BETA La rivista ipertestuale tecnica (colleg. al sito Web)
BETA
BETA La rivista ipertestuale tecnicaBarra BETA
Barra Sito Beta.it
BETA 21/99 (4) - Marzo/Aprile 1999 - Editoriale  -  Indici | Guida

Clicca qui!

La fine del fax è vicina?

Nessuno nelle vicinanze. Un ronzio, piuttosto silenzioso comunque, irrompe nella quiete operosa della società a responsabilità limitata di turno. E' l'ennesimo fax, che arriva dall'ennesimo fornitore, che informa che qualcosa sta succedendo. La segretaria lo vede, e legge il contenuto, passandolo distrattamente al vicino di stanza, suo superiore.
Il quale lo legge, e fa qualche strana smorfia. Che c'è scritto?

"Vi informiamo che a partire dal 22.2.2000 le nostre comunicazioni avverranno non più tramite fax ma tramite email, ivi incluse quelle di carattere legale, fiscale (incluse le offerte) ovvero qualsiasi comunicazione autografata richiederanno i rapporti delle rispettive società. Confidando che la vs. società già possegga i mezzi e le tecniche di tale genere atte al trattamento di documentazione digitale, vi invitiamo a informarci tempestivamente qualora aveste dei problemi al passaggio entro tale data.
Potrete trovare le referenze e la nostra chiave pubblica sul server CA di Roma 2 all'indirizzo..www...
Cordiali saluti, ecc."

Torniamo al presente e chiediamoci: a che servono i fax? Semplice la risposta: a produrre carta. Qualora siate tra coloro che ritengono una diminuzione di documentazione cartacea tra i requisiti necessari per la società del futuro (prossimo), sarete già d'accordo. Per tutti, facciamo qualche considerazione pragmatica. Nel mondo della comunicazione, i canali della stessa sono moltissimi, ma in particolare sono ridondanti (altrimenti che società della comunicazione sarebbe?).

Alla fine dell'ottocento per comunicare si usava

    a) la voce (cioè si andava a parlare a voce o tramite un inviato)
    b) le lettere a mano, la posta

Verso la metà del novecento:

    a) la voce
    b) le lettere a mano o scritte a macchina, la posta
    c) il telefono, il telegrafo, le telescriventi nelle redazioni

A queste si è poi aggiunta la televisione come mezzo di comunicazione, che però essendo broadcasting  (uno a molti) non ci interessa. Mentre nell'ultimo quarto di secolo è entrato nell'uso quotidiano il fax, piccola rivoluzione dalla comodità ormai dimostratissima.

Solo che adesso comunicare significa usare:

    a) la voce
    b) le lettere, la posta
    c) il telefono, telefonino, telescriventi (per chi ce l'ha ancora)
    d) il fax
    e) l'email

E chi più ne ha più ne metta. Beh, prima di continuare ad aumentare i mezzi di informazione forse si dovrebbe pensare al loro contenuto, ma non è questo l'argomento di questo numero. Vediamo invece che probabilmente è una buona idea iniziare a ridurre i mezzi, invece di aggiungerne sempre di nuovi. E' una selezione "naturale" che già avviene in moltissime forme di comunicazione, ma in genere pare particolarmente dura a morire per qualsiasi cosa possa essere agevolmente sostituita dall'email.
Tuttavia, per l'email la classe dirigente italiana sembra non ci voglia passare, o almeno non così presto.

Perchè tanto astio? Non è difficile comprenderlo, l'italiano medio adora il telefonino come mezzo di comunicazione, ma a volte non sa neanche cosa farci al di là di mostrarlo. La classe imprenditoriale italiana delle email non sa che farci, sembrano un gioco, non riesce a leggerle tant'è che spesso se le fa stampare dalla segretaria per avere qualcosa di "cartaceo" da leggere. Troppa novità, tutta insieme, troppa comunicazione, troppi cambiamenti, mentre all'italiano piace coccolarsi nelle solite buone cose, nella calma placida e sorniona che solo un pezzo di carta sa donare, una raccomandazione qui, una visita lì, una pacca qua, e via di questo passo. Comunicare con precisione e sicurezza via email è ancora un'utopia.
Noi lo facciamo da più di tre anni, e ci troviamo benissimo. Ci auguriamo che presto lo si possa fare veramente con tutti, e con tutte le aziende. Adesso ci sono gli strumenti per farlo con tranquillità: la legge italiana e comunque europea a breve si doteranno degli strumenti per equiparare fiscalmente e legalmente la posta cartacea a quella elettronica.

In generale, comunque, rimango convinto che neanche l'email è ancora lo strumento di comunicazione del prossimo futuro. Sono molto "startrekkiano" in questo: per me la comunicazione migliore è quella che elimina la distanza tra due o più persone. L'email già fa tantissimo in questo senso, e probabilmente in ogni caso rimarrà la svolta comunicativa di questo decennio, ma ha comunque reiterato, se vogliamo, nuovamente la distanza "visiva" tra persone. Invece, secondo il mio personale punto di vista, il punto di vera svolta si potrà avere quando le comunicazioni saranno "email visive", e invece di digitare su una tastiera potremo parlare direttamente, magari a video, insomma il videotelefono via Internet, quella che attualmente è chiamata ideoconferenza a due, o a tre, ecc. Solo a quel punto la comunicazione via fax, ed in generale tutta la comunicazione a distanza e in qualche modo rallentata dalla forma scritta potrà dirsi annullata.

Adesso scusate ma devo andare, mi sta chiamando un pelatone da uno schermo formato gigante. Sembra un ufficiale della Flotta stellare, chissà cosa vorrà mai ...

Luciano Giustini
l.giustini@beta.it



BETA 21/99 (4) - Marzo/Aprile 1999: Sommario | Internet ID | Redazione | Liste/Forum | Informazioni | Indici di BETA | Installazione | Licenza Pubbl. Beta | Browser | Mirror ufficiali | Guida | Ricerche | Stampa


Beta.it (http://www.beta.it)email info@beta.it
Barra Sito Beta.it

Copyright © 1994-99 Beta, tutti i diritti sono riservati. Documento Lpb. BETA sul Web: http://www.beta.it
Sommario Abbonamenti a BETA Redazione Liste/Forum Informazioni Browser Mirror ufficiali Beta Home Page Beta Home Page english Beta News BETA Rivista Articoli BETA Beta Edit, pubblicazioni Beta Logo, premi Beta Lpb, Licenza Pubblica e Articoli Lpb Beta Navigatore Beta Online Beta Library Beta Info Gruppo Beta