POSTA DEI LETTORI


Dopo due numeri di assenza torna la rubrica Posta dei lettori, visti anche i numerosi messaggi che ho ricevuto personalmente per l'intervento nelle NEWS dello scorso numero riguardo la beta di OS/2 Merlin. Questo dimostra, se ce ne fosse ancora bisogno, quanto interesse suscita il sistema operativo di IBM e il suo futuro. La battaglia dei sistemi operativi per piattaforma Intel è stata vinta da Microsoft, finora, ma la guerra è ancora in corso, e non appare per nulla scontata.
I messaggi che ho ricevuto sono stati in generale di critica su quanto ho scritto per la futura versione di OS/2, in particolare per l'annosa diatriba sugli applicativi e anche sul discusso Netscape per OS/2, recentemente annunciato. Sfruttando il fattore tempo, che per quell'articolo è mancato, posso ora definire meglio il mio pensiero sulla controversa questione, prendendo spunto da due messaggi provenienti da collaboratori di BETA, quindi più direttamente coinvolti dalle opinioni espresse sulla rivista.

Luciano Giustini


OS/2 Merlin, non è vero che...

Ciao Luciano,
Complimenti per il nuovo numero di BETA, e' molto bello! Complimenti anche per i nuovi siti ufficiali e per la grafica ancora migliorata.. mi sono riletto i primi numeri e devo dire che di strada ne hai fatta tanta :-)

Grazie, a nome della redazione, anche per il tuo supporto a BETA (vedi i footer del messaggio). La grafica di BETA è stata traballante per un po', ma ora penso di aver trovato un impianto estetico soddisfacente, che durerà a lungo.

Se devo dirti tutta la verita' mi sento proprio orgoglioso di essere mirror ufficiale! ;-)

Uno dei migliori complimenti che mi sia mai capitato di sentire per BETA!

Vorrei pero' farti qualche critica (spero costruttiva) sull'articolo su Merlin...Scrivevi:
>Un Netscape per OS/2 probabilmente
>farebbe la gioia degli appassionati e anche degli sviluppatori HTML come me.
Vero, ma allora perche' non dire che Netscape per OS/2 sara' rilasciato tra pochi mesi?

Sento dire che deve uscire una versione OS/2 di Netscape Navigator da quasi un anno. In realtà non c'è mai stata una conferma ufficiale nè da Netscape nè da IBM. Sembrava un classico "si-dice" destinato all'oblio, ma finalmente, il 28 agosto, un Comunicato stampa congiunto IBM-Netscape ha tolto ogni dubbio. Netscape per OS/2 si farà (anzi, è già stato fatto) e sarà distribuito insieme a OS/2 Merlin. Sono io il primo ad esserne contento, come si deduceva dall'articolo. Non penso che con WebExplorer OS/2 sarebbe andato molto avanti, troppo gap rispetto ai concorrenti più blasonati e diffusi. Con Netscape, invece, si aprono nuove strade, molto interessanti, per OS/2: se è vero come è vero che OS/2 attualmente propone poche applicazioni, allora l'adeguamento allo standard di mercato non può che fargli bene, anzi benissimo. Gli manca solo quello, a mio giudizio. Quando a un possibile, indeciso, utente di OS/2 si farà notare che per questo S.O. ci sta tutto quello che serve, prodotto dalle migliori "firme" e non anonimo come adesso, sono sicuro che l'ago della bilancia penderà verso OS/2. Windows 95 ha ancora troppe carenze per poter essere definito una soluzione, e Windows NT richiede ancora hardware troppo oneroso.

>Ma per le applicazioni vere e proprie siamo sempre in alto mare. A meno
>che non ci si affidi all'affiliata Lotus Corp., che porta a listino molte
>applicazioni ottimizzate

Scusa ma non hai ancora visto un catalogo di Indelible Blue, o per non andare lontano di Ososoft? Di applicazioni io ne ho viste parecchie! Ok, non tante quante quelle per Windows e quasi tutte in inglese... pero' a dire che applicazioni non ce ne sono ne passa!

Francamente no, non ho visto, e probabilmente dovrei farlo. Però lascia che mi vengano dei dubbi su questa copiosità di applicativi.
a) Sono nomi che non ho sentito da molto (specialmente Ososoft), per cui penso che i loro prodotti siano in versioni primarie (1.x, o al massimo 2.x) e quindi, probabilmente, passibili di bugfix e miglioramenti che solo con il tempo le case riescono a disporre sui loro applicativi.
b) Con Windows si riesce a trovare esattamente quello che si vuole, spesso pagandolo pochissimo, o comunque molto meno rispetto al circuito commerciale. Ho usato OS/2 a lungo, ma raramente ho potuto utilizzare software che mi soddisfacesse. Questo è in parte ovvio, dato che il mercato per OS/2 è molto minore e la scelta limitata, ma ritengo che sia compito di IBM togliere l'utente dall'impaccio della ridotta disponibilità, fornendo un qualcosa, magari in bundle col sistema operativo, che non faccia rimpiangere la preferenza accordata.
c) IBM, diversamente, spinge Lotus - che come sai è una sua sussidiaria - e i suoi prodotti per OS/2. La strategia è "politicamente" corretta, ma ciò dà più scelta all'utente aziendale piuttosto che a quello personale, settore, il primo, cui infatti Lotus si orienta. La strategia Microsoft invece è più centrata sul secondo, con Windows 95 che di aziendale ha proprio poco, ma che per il grande pubblico offre varietà di scelta illimitata.

>Non c'e' un programma di manipolazione grafica degno di questo nome, e bisogna
>andarselo a cercare nel circuito shareware. Ma per cose pesanti non si trova certo
>un Adobe Photoshop, e purtroppo neanche un Paint Shop Pro, e quindi rinunciamo
>per il momento a creare qualcosa di grafico.

Scusa ma ColorWorks (http://www.spg-net.com) tu lo definisci un prodotto scadente?
E poi sempre a catalogo di Ososoft io conto almeno una decina di software grafici che vanno dalla grafica professionale a quella amatoriale. Forse non saranno facilmente reperibili dagli utenti come i pacchetti per Windows (leggi copie pirata) ma basta ordinarle per averle e cominciare subito a lavorare.

Il discorso grafico è un discorso complesso, fatto di storie di singole compagnie e di grandi gruppi, ma anche di tradizioni e abitudini consolidate. Macintosh, per citare l'esempio più importante, ha dettato legge per molti anni in fatto di grafica, e prima dell'avvento di pacchetti avanzati come CorelDraw! il Personal Computer era una nullità al confronto per chi voleva creare qualcosa di serio e lavorare su pacchetti professionali. Con il tempo, grazie anche alla corsa verso la potenza in cui si sono distinti i PC, le cose sono cambiate e adesso di pacchetti professionali ce ne sono per tutte le piattaforme. Non a caso ho citato Adobe Photoshop, dato che proviene proprio dal mondo Macintosh. Ora, chi, come me, utilizza questi pacchetti, si aspetta un prodotto che sia almeno una spanna sopra gli altri, altrimenti non sarei a scrivere su un PC ma su un Mac o una stazione Unix. Di questo tipo di prodotti ce ne sono pochi, e i due che ho già citato capeggiano la corta lista. Se per usare OS/2 non posso avvalermi di questi strumenti permettimi di sentirmi perlomeno a disagio. Per un grafico cambiare programma è un'operazione più pesante che per un pilota cambiare macchina: bisogna capire il nuovo prodotto, e poi abituarsi ai comandi, conoscerne i segreti, imparare a lavorare velocemente con gli strumenti e infine individuare i passi chiave per ottenere risultati superiori. Per me che sono hobbista già è difficile, mi posso immaginare per un professionista. Conclusione: la tradizione e l'abitudine sono essenziali nei tool grafici più che in qualsiasi altro prodotto per computer. Per OS/2, come minimo dovrebbe esserci un unico prodotto grafico che sia sviluppato una volta per tutte e venga migliorato di release in release insieme al sistema operativo, che dia sicurezza all'utilizzatore di continuità e sviluppo. Un prodotto insomma che abbia un nome e un supporto ufficiale, e a queste cose, come ho avuto già occasione di dire, dovrebbe pensare IBM, che al contrario di Microsoft HA bisogno di sostenere il proprio sistema operativo.

>IBM Works comprende anche un foglio elettronico e un database, rimasti come
>architettura e aggiornamento ai tempi di Apollo 13:

Vero, ma cosa offre per contro Windows 95? A me pare che Microsoft Works lo si debba pagare e non sia gratis.
Fammi qualche esempio di tool nativi dati con Windows...

Nessuno importante, ma OS/2 non è nella posizione del suo antagonista, intorno al quale si trova di tutto e per tutti. Rileggendo OS/2 in chiave personale si scopre abbastanza velocemente che è mal supportato per questa fascia d'utenza. L'unico settore che io conosca in cui IBM si è impegnata per dare un prodotto superiore al suo sistema è la programmazione (penso a VisualAge, soprattutto), e questo è molto bello e gratificante per lo sviluppatore. Questi, però, non fa numero e l'utente medio pensa di più al wordprocessor o a un programma di grafica piuttosto che a scriver di C. Tutto qui.

>In conclusione, dalle brevi prove che ho fatto, ha preso corpo in me
>l'impressione che IBM abbia curato molto la parte grafica,
>riuscendo ad assomigliare di più a Windows 95 ma senza mutuarne
>da questo l'eleganza formale, ma si sia dedicata poco alla
>risoluzione di alcuni problemi congeniti di OS/2, per esempio
>la mancanza di tool nativi che siano anche di utilizzo generale.
In definitiva nell'articolo che doveva illustrare le novita' di OS/2 (peraltro ancora in versione preliminare) hai finito col tralasciare le novità per parlare delle "presunte" lacune. Hai lamentato la mancanza di Netscape (che non centra nulla in quanto non fornito con i sistemi operativi Microsoft) invece di confrontare WebExplorer con Internet Explorer (a patto che questo, con tutto il software per Internet sia dato GRATIS anche con Win95-NT). Stessa cosa dicasi per Photoshop e PSP, che come dimostrato hanno anche i corrispettivi nel mondo OS/2.

Probabilmente la mia propensione per la critica piuttosto che per una più morigerata elencazione delle novità è stata dovuta a due motivi:
La mancanza di tempo, giacchè OS/2 è giunto in redazione pochi giorni prima che fosse impaginata la rivista, ma soprattutto la delusione che ho provato non vedendo quei miglioramenti che invece mi aspettavo.
In fondo, c'è anche un sentimento di rivincita nelle mie osservazioni, nel desiderio che IBM superi il sistema marketing-strategico della Microsoft e riesca a condurre OS/2 fuori dalle nebbie in cui è suo malgrado calato. Vedo quindi con maggiore tristezza che certe mancanze a mio parere ingiustificate vengano reiterate da parte del team di sviluppo di OS/2. Se lo stesso avvenisse in casa Microsoft, tipicamente ne sarei meno coinvolto, e anche il suo pubblico.
Tornando al browser, elemento chiave di questo momento di Internet e avvolto in un alone strategico ben superiore a quanto comunemente si creda, ci si dovrebbe chiedere come mai Microsoft stia investendo così tanti soldi e risorse in un prodotto gratuito. Non è da lei e non penso neanche che sia una semplice questione di prestigio. Penso che ci siano in ballo molti più soldi di quanti se ne investano per sviluppare il software. Il futuro di Internet è basato su prodotti capaci di interagire con la rete, di qualsiasi tipo essi siano e qualsiasi operazioni essi dovranno compiere. Per cui si capisce quanto sia importante imporre un browser ora, per trovarsi il bacino d'utenza dopo cui proporre il supporto giusto al momento giusto. Anche uscisse Netscape per OS/2, e sebbene auspicato non è detto, non so fino a che punto convenga a IBM che la casa californiana abbia la leadership anche su questo sistema operativo. Ripeto, sarebbe meglio che IBM portasse WE a livello dei migliori browser: ce l'ha fatta Microsoft, non vedo perchè non possa farlo Big Blue. Attualmente, visto che parli di confronto tra Internet Explorer e il browser di OS/2, con la versione 2.0 del primo siamo sostanzialmente a livello di parità, ma la nuova versione 3.0 è ormai a livelli vicini a Netscape - che rimane comunque irragiungibile - e quindi non c'è paragone.

E infine confrontare IBM Works con WinWord non mi sembra corretto in quanto il primo e' dato gratis col sistema operativo, mentre il secondo si paga e pure a caro prezzo. Meglio sarebbe un paragone con il Word Pro di Lotus la cui versione per OS/2 e' in questo momento in beta-test.

Se è per questo ormai anche con Windows 95 viene dato in bundle Microsoft Works, che per semplicità diciamo uguale a IBM Works. Lotus Word Pro: un bel prodotto, non lo nego, anch'io l'ho installato nella versione per NT. Tanto di cappello se lo includono insieme al sistema operativo, e in tutti i casi è il primo risultato positivo dall'acquisizione di Lotus che sia apprezzabile dal famigerato utente medio.

E' davvero strano per me scriverti questa lettera, in quanto fino a ieri ero sempre stato in accordo con i tuoi articoli e i tuoi interventi nelle aree di MC-link. Probabilmente tornero' ad essere daccordo gia' da domani,ma dal momento che uso OS/2 da parecchio tempo e mi ritengo abbastanza preparato in merito ho deciso di scriverti questa lettera. Spero che le mie critiche siano utili ad entrambi, sopratutto al continuo miglioramento di BETA, di cui mi ritengo un piccolissimo ingranaggio.

Saluti, Dax.

Senza dubbio saranno utili, e non ti ritenere un ingranaggio tanto piccolo, se il supporto a BETA è dato credendoci diventa grandissimo. Mi sento poetico, strano. :-)

Massimo D'Alessio è Mirror Ufficiale di BETA, parte on-line e parte off-line, alla URL: http://amati.cremona.polimi.it/~s028/beta
e-mail: Dax@spiderlink.it
HomePage: http://amati.cremona.polimi.it/~s028/


OS/2 Merlin, critiche e precisazioni

Ciao Luciano!

Devo dirti che la tua recensione sulla beta di Merlin mi e' piaciuta proprio poco: hai parlato solo a margine della beta, con uno stringato elenco di caratteristiche, e hai ripetuto le solite critiche delle riviste Microsoft-based. Non che non si possa criticare OS/2 e l'IBM, che senso ha pero' criticare il WebExplorer quando questo sara' sostituito presto da Netscape/2 o criticare il supporto di Java in funzione del WebExplorer quando l'integrazione di Java nel sistema operativo e' rivolta ad eseguire le applicazioni indipendentemente da un browser Web.

Concordo pienamente con la pochezza delle caratteristiche tecniche riportate. In realtà la parte di OS/2 Merlin nel numero 9 non avrebbe dovuto esserci, ma ho voluto lo stesso inserire un "promo" introduttivo in vista della prova vera e propria. Mi sono così limitato a impaginare la nota tecnica riassuntiva della documentazione fornita insieme alla beta, che per forza di cose si è ridotta ad essere un quinto dell'intero intervento.

Allo stesso modo non ha senso paragonare applet fornite con il sistema operativo (l'Editor di sistema, l'EPM e IBM Works) con applicazioni vendute a parte e a caro prezzo... cosa offrono gli altri sistemi operativi? Non mi pare che Windows 95 o NT offrano qualcosa in piu' di IBM Works o dell'EPM, (che e' complicato da usare proprio perche' offre molte piu' funzioni di qualsiasi comune editor - semmai e' da criticare il fatto che IBM non abbia inserito il pacchetto completo, essendo diversi file aggiuntivi dell'EPM liberamente scaricabili da vari siti su internet).
Non mi risulta che le suite di produttivita' Microsoft siano incluse gratuitamente nel sistema operativo...

No, però non mi risulta neanche che esista in giro qualcosa di più complicato e intuilmente fuori standard come l'EPM. Che poi, una volta imparato ad usare in tutte le sue funzioni diventi indispensabile è un altro discorso, simile a quello che si fa per il vi del mondo UNIX. Tuttavia, rimanendo nel panorama consumer, insieme a Windows 95 e NT viene fornito il WordPad, e prima ancora c'era Write; d'accordo, non saranno wordprocessor di classe ma permettono di scrivere una lettera senza alcun problema e soprattutto senza essere iniziati informatici.
Il discorso che porto avanti io, d'altronde, è sempre uguale: se OS/2 si "cala" nella realta' di mercato, vuoi con eleganza, vuoi con soluzioni originali, allora ha ottime possibilità di diffondersi come vitale concorrente della produzione Microsoft, altrimenti...

Comunque oltre ai vari WP nativi OS/2, gia' presenti sul mercato da anni, alla suite di Lotus che uscira' non molto dopo Merlin, e' possibile scaricare una demo italiana, funzionante fino ad Ottobre dello StarOffice. per quanto riguarda le applicazioni grafiche, alcune come Colorworks sono superiori, sotto molti aspetti, a molte applicazioni per i S.O. Microsoft... Critica giusta e che invece non hai fatto (anche se da imputare piu' ai produttori di hardware che alla IBM stessa) e' lo scarso supporto degli scanner, anche se la situazione in tal senso pare stia cambiando.

Per quanto riguarda il Warp Center c'e' da lamentarsi, piu' che per l'estetica, per la mancanza di coerenza con la filosofia della WPS. IL paragone alla barra dei task di Windows mi sembra abbastanza sbagliato invece: se questa permette di accedere facilmente ai task attivi per contro non permette di accedere facilmente alle applicazioni che si vogliono lanciare, ne' ha, per esempio un indicatore del carico della CPU o dello spazio libero su disco...

Tutt'e due cose che reputo perfettamente inutili: di più, pesano sulla memoria di sistema in modo furtivo, e francamente con gli HD di oggi da 1, 2 e più GByte non si sente l'esigenza di sapere quante centinaia di MB rimangono sui propri HD :-).
Mi sembra invece che sia la barra applicazioni di Windows 95 sia il WarpCenter di OS/2 portano vantaggi ma alternativamente: una barra come quella di OS/2, più lineare come quella di Windows 95 e orientata agli oggetti con la visibilità delle applicazioni aperte potrebbe essere l'optimum!

Il programma di installazione e' senz'altro ancora problematico, non dimentichiamoci pero' che ci troviamo ancora di fronte ad una beta uscita all'inizio di giugno... A quanto pare l'IBM vuole fare le cose in segreto e uscire direttamente con la GA (General Availability, NdR) in settembre. E' praticamente impossibile cosi' parlare di tante piccole cose (l'integrazione del formato HTML in IBM Works, Netscape/2, il nuovo client di e-mail, il nuovo programma di gestione dell'HPFS, ecc.) che faranno parte della versione definitiva.

Sono d'accordo, sperando che il programma di installazione venga riscritto o perlomeno migliorato strutturalmente, in modo che, finalmente, la fama negativa che si è portato dietro fino adesso presso il grande pubblico inizi a scemare.

Gli aspetti piu' importanti sono comunque quelli meno appariscenti... OS/2 si porta dietro ancora tante piccole magagne (eredita' dello sviluppo comune con Microsoft e dell'esigenza di compatibilita' all'indietro di quest'ultima) che verranno probabilmente risolte solo in una prossima verione basata su microkernel... Tra i tanti problemi relativi ad OS/2 c'e' proprio la mancanza di informazione e la disinformazione (cioe' informazioni sbagliate) su esso. Non mi sembra che la ripetizione dei soliti luoghi comuni, creati ad arte da e ad uso e consumo del- la Microsoft, possa apportare un qualche progresso alla cultura informatica. Scusami se sono stato un po' duro: non prendere questa come una critica personale, ma come uno stimolo per migliorare la rivista.

Non penso alla durezza dei toni, peraltro sempre molto corretti e tecnicamente validi, quanto più che altro a un entusiasmo che poco ha a che vedere con le variabili del mercato. Le stesse che hanno decretato a Windows la palma del sistema operativo per piattaforma Intel più diffuso, e che, se non controllate adeguatamente, possono portare OS/2 nel baratro. Ma IBM non mi sembra abbia quest'intenzione, fortunatamente.

Alessandro Cantatore <Team OS/2 - Italy>
Alessandro Cantatore è direttore di JustWarp! Magazine e collaboratore di BETA per la rubrica OS/2. E-mail: alexcant@mbox.vol.it


Precedente Principale Sommario Informazioni Redazione Browser Successivo