Rubrica News Coordinamento di Luciano Giustini

L'evoluzione del Network Computing sta cambiando lo scenario dell'Information Technology

Lo afferma un rapporto di Bloor Research Group, che prevede un decllno irreversibile dell'industria PC tradizionale già a partire dal 1997

Milano, 19 settembre 1996 L'evoluzione in atto nel mercato informatico mondiale potrebbe cambiare radicalmente le regole del gioco e alcuni protagonisti del settore, nati e cresciuti grazie all'esplosione del personal computer, potrebbero avere un futuro a tinte meno rosee. Lo afferma un rapporto appena pubblicato da Bloor Research Group.
Bloor Research è una società esperta nella valutazione e nell'analisi comparativa della tecnologia software. Le sue ricerche vengono fornite ad aziende e produttori del settore IT sotto forma di rapporti e white paper.
L'autore del rapporto, Robin Bloor, ritiene che si sia ormai giunti alle soglie di un autentico terremoto all'interno dell'industria da 650 miliardi di dollari dell'Information Technology. Tale terremoto coinvolgerà molti big del settore e ridisegnerà totalmente il panorama, interessando tutti i fornitori di prodotti e servizi e i loro clienti, dice Bloor, predicendo che l'impatto inizierà a manifestarsi durante l'autunno 1997, quando il mercato PC entrerà in un deciso e irreversibile declino.
Il rapporto ritiene che il mondo dell'elaborazione aziendale evolverà progressivamente verso un modello di network computing centralizzato, più complesso, potente e flessibile del precedente paradigma mainframe.
In questo quadro, la domanda di PC è destinata a calare enormemente a vantaggio di computer poco costosi - i cosiddetti "thin client" - ricchi di funzionalità e che impiegano i browser come interfaccia, sostituendo i complessi sistemi operativi Windows-like oggi prevalenti. Questi dispositivi saranno collegati a pochi (e più avanti ad un unico) computer con elaborazioni parallele massicce (server) su cui gireranno applicazioni software Web-enabled. Tali applicazioni saranno vendute via Internet anzichè dai rivenditori terze parti di oggi.
Il principale motore del cambiamento sarà la sostanziale riduzione dei costi permessa dal nuovo modello: fino a cinque volte meno per utente. Bloor prosegue dicendo che l'epicentro del terremoto sarà Java di Sun Microsystems, che trasformerà la world wide web in una vasta rete per operazioni cli entiserver.
Questo consentirà al software di essere trasferito dal server, dove è archiviato, al client, dove sarà eseguito in ambiente browser. Secondo questa definizione, tutto è software: un video, un brano audio, una pubblicazione elettronica, un applicazione. Poichè Java può essere eseguito ovunque, per la prima volta lo sviluppo di applicazioni potrà avvenire indipendentemente dal sistema operativo.

Vincitori e vinti
L'impatto ditale mutamento si farà sentire soprattutto per quei produttori che più dipendono dai PC, i cui nomi sono a tutti noti. Al contrario, i vincitori saranno quei produttori che tradizionalmente hanno operato sulla fascia più alta del mercato, aziende come IBM, Sun Microsystems e Hewlett-Packard.

Il vantaggio di IBM
Il report afferma che IBM è ottimamente posizionata per sfruttare al massimo il "ritorno" all'elaborazione centralizzata. La società è tuttora il fornitore numero uno delle grandi aziende e le soluzioni centralizzate costituiscono ancora il nocciolo duro del suo fatturato. La società non potrà che avvantaggiarsi dell'entusiasmo che sta sorgendo nei confronti di thin client e server massively parallel e conoscerà un considerevole incremento delle vendite di software middleware, essenziale per la realizzazione e il flinzionamento ottimale di grandi reti, centralizzate o meno.

Il rapporto conclude prevedendo che i thin client si affermeranno molto rapidamente negli ambienti aziendali, già a partire dalla primavera del 1997. L'impatto sui fornitori sarà evidente verso la fine dello stesso anno, momento in cui inizierà l'irreversibile declino del mercato PC.


Copyright © 1996 BETA. Tutti i diritti riservati.
Precedente Principale Sommario Informazioni Redazione Browser Successivo