BETA


BETA

Copertina
Sommario
Internet ID
Informazioni
Browser
Guida

Indici
Redazione
Mailing
Dove come
Mirror

Licenza
Cerca
Stampa


_______

BETA sul Web:

Indice generale Articoli

Archivio
BETA
Download
Edit
Logo
Pubblicità
Mirroring
Navigatore
Novità
Online
Stampa
Publish
Mappa
Ricerche
books
Cat. Web
Servizi
Info

Windows NT Workstation e Server 5.0

Beta 2 Build 1814

di Ermanno Baccarini Articolista, BETA

Finalmente abbiamo a disposizione la Beta 2 e proviamo subito ad installarla. Questa revisione (build 1814) ha comportato una discreta quantità di modifiche alla Beta 1 che non aveva certo brillato per la sua stabilità. Prima della Beta 2 c'era stata una revisione (build 1773) intermedia che aveva già risolto gran parte dei problemi di installazione, ma questa release oltre ad un "aggiustamento" della Beta 1 ha anche introdotto il supporto al Plug and Play, che da buoni smanettoni non possiamo dire di averlo apprezzato particolarmente, visti i precedenti di Windows 95 (per non parlare di Windows 98). Dobbiamo comunque riconoscere che in generale il Plug and Play può considerarsi un vantaggio per tutti quegli utenti poco avvezzi agli Interupt e Memory Address, che  sono di gran lunga la maggioranza. 
La nostra installazione viene eseguita su un PC IBM 300XL dotato di 64 Mb di RAM, hard disk 4 GB, scheda video S3 Trio64V2, interfaccia di rete sia Ethernet che TokenRing. 

Ricominciamo da 1 (winnt32.exe).

Facciamo partire l'installazione da Windows NT 4.0, come al solito con l'eseguibile winnt32.exe nella directory \i386 senza dare parametri di esecuzione. Le opzioni di Winnt32.exe sono cambiate e adesso riguardano aspetti dell'installazione non essenziali o che possono essere inseriti durante l'installazione stessa: 

winnt32 [/s:sourcepath] [/tempdrive:drive_letter] [/unattend[num][:unattend_file] [/copydir:directory_name] [/copysource:  
directory_name] [/cmd:command_line] [/debug[level][:filename]] [/udf:id[,UDF_file]  
 
Come possiamo notare dalla grafica la maschera del programma di installazione è cambiata ed ha lo stesso stile già percorso da Microsoft per Windows 95 e 98 (Figura 1). 
 
 
Figura 1 - La prima maschera del setup di NT 5.0 

La procedura di installazione non presenta problemi e va avanti per lo più automaticamente con le varie richieste di conferma e inserimento dei dati personali e della macchina. Noi in particolare abbiamo eseguito un upgrading dalla build 1773 e abbiamo dovuto scegliere appunto l'opzione di Upgrade to Windows NT 5.0. Per chi invece sceglie l'installazione completa deve stare attento alle Advanced Optons della finestra delle Opzioni Generali. Importante è selezionare l'opzione per  scegliere in seguito la partizione sulla quale installare NT, altrimenti viene installato direttamente su quella in quel momento attiva per il s.o. Altra cosa importante per chi non ha il CD originale di Microsoft (noi per esempio lo abbiamo scaricato dalla Rete) è scegliere di copiare tutti i file del CD o della subdirectory sull'Hard Disk. 
Dopo una lunga serie di operazioni di copia dei file di sistema e vari restart (3 o 4 non ricordo, ad un certo punto ho perso il conto ) la mia installazione è terminata e sono arrivato (ritornato) alla finestra di login pronta ad accettare la mia username e password. 
Va sottolineata una novità molto interessante per quanto riguarda la fase di copia dei file e di setup in generale. Dopo la prima fase dove vengono copiati i file di installazione in due directory temporanee, la macchina riparte e comincia la vera e propria installazione dei componenti. In questa fase nelle precedenti versioni non si aveva l'opportunita di fare nulla, al massimo rispondere a qualche domanda, adesso invece viene aperta una finestra con il prompt dei comandi, minimizzata in basso a sinistra, che può essere utilizzata per dare dei comandi se per qualche ragione ci sono dei problemi. Lo trovo eccellente perchè se l'installazione si blocca per una cosa che possiamo risolvere con qualche comando da tastiera, e a volte succede, non mi sembra che sia una novità da sottovalutare. 
L'hardware è stato riconosciuto senza problemi e la release è fornita di una driver lib sufficiente ad una installazione più che standard. Sarebbe comunque il caso di aggiungere qualche altro driver, ma forse ci si aspetta che questo avvenga automaticamente dopo l'uscita di Windows 98 (non dimenticate che usano gli stessi driver WDM). 
Nel nostro caso c'è stato un solo problema di partenza, la macchina si piantava nella maschera azzurra iniziale durante il check di sistema, ma facendo il setup iniziale (del bios) e disabilitando l'interfaccia infrared e la Ethernet (ci serviva solo la TokenRing) tutto ha poi funzionato alla perfezione. 

Tante novità, ma poche differenze

Le novità introdotte in questa quinta versione del sistema operativo della casa di Redmont sono molte,  in qualche caso rilevanti e se andiamo ad osservare bene riflettono in generale tutti gli aspetti del sistema operativo. L'introduzione del File System FAT32 permette di avere compatibilità con le partizioni di W95 (ver. 2.5) e W98 (sperando che la FAT32X continui ad essere compatibile) e permette di definire partizioni superiori a 2Gb. Altra cose importanti sono: l'adozione del Plug & Play, l'interfaccia per le PCcard e il gestore Power Manager. Un'altra importante novità riguarda la partenza e la finestra di login, che ci chiede direttamente username e password senza bisogno di fare il consueto  ctrl-alt-del iniziale. 

L'interfaccia

La prima cosa che si nota è che i cambiamenti dell'interfaccia non sono rivoluzionari, ma evidenti. L'aspetto generale rimane quello di sempre e come nella versione 4.0 con la Taskbar,  posizionabile sui quattro lati dello schermo del Desktop, possiamo avere accesso alle risorse, ai folder (file e directory) e ai programmi. Alcune delle nuove impostazioni le abbiamo già conosciute con l'installazione di IE 4.0. La prima cosa che si nota è l'effetto dissolvenza. Quando ci posizioniamo sul pulsante <Start> compare una linea di help e se clicchiamo sul pulsante la finestra dello Start Menu appare gradualmente con un piacevole effetto video che  la porta in primo piano. Oltre a questo la barra in alto (del titolo) delle finestre non è più a tinta unica, ma il colore di base sfuma verso un colore più chiaro (Figura 2 ). 
 
 
Figura 2 - Nel Control Panel sono stati aggiunte delle nuove icone. 

Ma come accennavo in precedenza il restyling non si limita al solo aspetto esteriore. Sono stati aggiunti nuovi servizi e il Control Panel si è arricchito di nuove icone, e dove le icone sono rimaste uguali a cambiare sono stati i contenuti. 
Se ad esempio clicchiamo su System le cose sono decisamente diverse (Figura 3). Oltre ad avere racchiuso tutte le informazioni del sistema in un unica finestra sono state inserite nuove importanti funzionalità. La più importante è senz'alto il Device Manager (Figura 4). 
 
 
Figura 3 - La finestra del System Proprieties

Le "cose" che troviamo dentro al Device Manager sono grosso modo quelle che potevamo avere con Windows 95 nel System, l'elenco ad albero dei device installati (riconosciti dal Plug and Play) sul sistema operativo e le risorse (sempre solo quelle riconosciute dal P&P). Molto utile e del tutto simile allo stile adottato su Windows 95, anche per quanto riguarda le maschere di configurazione. Questa similitudine con il fratello minore si ritrova un po' da per tutto. Non c' è più l'icona del Networking e al suo posto troviamo Network Connection. Dopo averla aperta non ci troviamo granchè, ma se andiamo a vedere nelle proprieties della Local Area Connection troveremo pari pari la maschera di setup del netoworking di 95. 
 
 
Figura 4 - Il Device Manager conforme all'interfaccia Server Manager
Anche nelle Administrative Tools le novità sono tante. Sono scomparse alcune delle utilità di gestione, come Disk Manager e Services Manager, e al loro posto altre che le racchiudono sono state inserite, come il Computer Manager (Figura 5). 
 
 
Figura 5 - Il Computer Manager conforme alla Server Manager

Windows NT 5.0 Workstation

Sono rimasto impressionato dalla facilità di installazione e uso. La funzionalità generale è stata migliorata e in alcuni casi anche le prestazioni, ma sulle prestazioni non voglio addentrarmi troppo perché essendo questa una beta non ha molto senso giudicarle. La cosa che mi ha impressionato di più è stata la scelta di arricchirlo sia di funzionalità per l'home computing, che fino a poco tempo fa potevano trovare solo su s. o. come Windows 95,  che per il calcolo intensivo, appannaggio essenzialmente delle workstation Unix ad altissime prestazioni.Tutto questo ci fa supporre che Microsoft sia intenzionata ad eleggerlo a client per eccellenza della piattaforma Windows. Quello scettro che è stato per diversi anno di Windows 95 sta decisamente passando in mano a Windows NT 5.0 Workstation. Anche se la stessa Microsoft recentemente ha promosso Windows 98 a tale ruolo. 
Purtroppo per noi la strategia di Microsoft sta seguendo è poco chiara. Si era partiti con l'idea di vedere Windows 98 alfiere del Consumer e l'Home Computing più che del networking, con NT 5.0 a prendere il posto di Windows 95 nell'area Client Office e Backoffice. Ma visto che gli ultimi annunci vedono NT 5.0  lontano a venire, forse nel primo trimestre 1999,  i piani del marketing devono aver cambiato le carte in tavola e allora intanto diciamo che il Client per il networking è W98, poi vediamo. 
Nei fatti non sarà certo Windows 98 l'erede del 95, ma sicuramente NT 5.0. 
Ottimo nelle performance multimediali, nonché facile e veloce nell'office, ma altrettanto sicuro ed efficiente nella grafica o nello sviluppo software. 
Se poi consideriamo le prestazioni e la stabilità (forse non tutti nella redazione di Beta sono d'accordo con questa affermazione) che hanno contraddistinto la versione 4.0, con la 5.0 potremo veramente avere un client globale che ci permetterà di esere utilizzato per applicazioni di tipo Office, che potremo anche spingere verso un uso "casalingo" e che contemporaneamente potremo usarlo con quelle applicazioni "mission critical" che tanto piacciono alle grosse aziende. 

Elenco delle principaili novità della versone Workstation: 
 
Type Internet addresses anytime Da qualsiasi finestra è possibile inserire una URL nella Address Bar per connetttersi ad Internet.
View Web pages on your Active Desktop Il Desktop è abilitato ad avere come backgroud una qualsiasi pagina Web o documento HTML.
Subscribe to your favorite Web sites Con la sottoscrizione di un sito si può fare un download della pagina Web e schedulare IE 4.0 per testare periodicamente e aggiornare gli  eventualmente cambiamenti.
Microsoft Personal Fax Microsoft Personal Fax per Windows NT 5.0 permette di ricevere e spedire Fax
Communicate using IP Telephony Microsoft Telephony API (TAPI) permette sia le chiamate PSTN che quelle su IP networks. IP Telephony abilita trasmissioni di voce, dati e video su LAN, WAN, e Internet.
Windows ATM Services Windows NT 5.0 aggiunge il supporto per l'hardware e il software che usa Asynchronous Transfer Mode (ATM). 
OnNow power management Nuova OnNow power management utility.
Windows Scripting Host Linguaggio di scripting indipendente dall'host per le piattaforme Windows 32-bit che include e motori Visual Basic Scripting e JScript.
Task Scheduler Provvede a fornire un'interfaccia grafica per organizzare e schedulare l'esecuzione di applicazioni.
Computer Management Contiene le utility di amministrazione e le informazioni di sistema racchiuse in un unica interfaccia
File Service Management Per creare e gestire condivisioni e connesioni 
Amministrazione remota con System Service Management Permette di fermare, partire e mettere in pausa un computer locale e remoto.
Device Manager Per la configurazione delle Device e delle risorse.
Windows 95 upgrade Permette di aggiornare direttamente un'installazione Windows 95.
NTBackup Nuova applicazione e interfaccia per l'utility di backup.
FAT32 support Per la compatibilità con Windows 95 OSR2.
NTFS enhancements Migliorete le performance e agggiunte nuove funzionalità: per-user disk quotas, file encryption, distributed link tracking, e la possibilità di aggiungere spazio asd un volume NTFS senza dover fare il rebooting. 
UDF Universal Disk Format il nuovo file system per DVD e CD.
Disk Defragmentation Finalmente un defragmentatore ufficiale per FAT e NTFS.
Internet printing i Client possono agganciarsi ad una network printer attraverso la intranet e Internet.
Active Directory Permette di gestire tutte le condivisioni di stampanti direttamente dalla directory dell'host.
Image Color Management 2.0 API Per velocizzare la stampa di immagini ad high-quality.
USB Universal Serial Bus.
WDM Win32 Driver Model compatibile con Windows 98.

Windows NT 5.0 Server

Nella versione Server le novità rigurdano essenzialmente l'aggiunta di nuovi servizi per il networking che penalizzavano la versione 4.0 rispetto alla concorrenza Unix e Novell, la maggior parte dei quali erano già stati introdotti con l'Option Pack. Directory Services,  IIS 4.0, Transaction Server. 
Con Active Directory Microsoft si allinea a Novell e aggiunge anche un tool per la migrazione da Novelli Directory Service ad Active Directory. Un'altra novità importante è Distributed File System (già trattato sul numero precedente)  che permette centralizzare su un server le risorse disponibili su una rete NT. Riguardo a IIS 4.0 possiamo finalmente dire che possiamo considerlo il primo vero server web compatibile e paragonabile a quelli della concorrenza Unix e Nescape. 

Elenco delle principaili novità della versone Server non comprese in quella Workstation: 
 
Distributed File System Il Dfs organizza le risorse della rete indipendentemente dalla loro locazione fisica.
Dynamic DNS Permette al funzionamento dimanico del Dns.
IP Security Management Per la gestione della sicurezza nelle comunicazioni end-to-end.
Admission control services Acs regola l'uso e la gastione delle applicazioni (che includono il Quality of Service) su una subnet prevenendo che queste generino più traffico di quello che la subnet può supportare.
Multi-protocol routing Abilita il routing su IP e IPX su LAN e WAN.
Internet Information Server Nuova versione 4.0 di IIS che introduce la possibilità di definire più siti su un unico IP e aumenta la compatibilità con gli standard web.
User-Defined Internet special groups Gruppi speciali per raggruppare e condividere risorse per il browsing.
Security - Kerberos Public key e supporto DPA.
Security Configuration Editor Editor per definire una configurazione e analisi della sicurezza one-stop per Windows NT.
Management Console Framework per tutti i programmi di ammmistrazione.
Microsoft installer Una nuova tecnologia per l'installazione delle applicazioni legata a ZAW (Zero Administration Windows).
Group Policy Editor Editor delle poliche di uso per i gruppi di utenti NT.
Disk Management Sostituisce il Disk Administrator e aggiunge nuove funzionalità.
NTBackup Nuova interfaccia e funzionalità.

Considerazioni conclusive

Complessivamente abbiamo giudicato positivamente le modifiche apportate con la beta 2 e la stabilità del sistema è sufficiente a renderlo un s.o. di testing permanente specialmente per chi sviluppa applicazioni che dovreanno essere allineate alle nuove funzionalità. Nelle prove di installazione e lancio di applicativi non abbiamo riscontrato problomi particolari e l'unico "limite" può essere considerato l'alto livello di automatismo che non permette un controllo accurato delle operazioni. Ma va detto che tali automatismi possono essere disabilitati, basta mettere le opzioni giuste al posto giusto.
La scelta di Microsoft di unificare tutte le interfacce per i servizi in un'unica interfaccia chiamata Server Manager, che cambia nei contenuti ma non nell'aspetto, è iniziata dall'ultima versione di Backoffice e prosegue sulla piattaforma di riferimento (Windows NT). Questa uniformità di rappresentazione risulta sicuramente comoda per chi ci ha fatto un po' l'abitudine, ma all'inizio rischia di disorientare visto che cambia il metodo di ricerca delle informazioni. Sarà più facile per chi inizierà da e con Windows NT 5.0 che per quelli che hanno già una certa esperienza con le versioni precedenti. Personalmente la troviamo piacevole ed efficiente, ed anche se devremo ancora famigliarizzare completamente non crediamo che sarà un problema, ma sicuramente non dimenticheremo facilmente le vecchie abitudini. Tenteremo più di una volta di andare nello Adminitsrative Tools dello Start Menu a cercare il Disk Administrator che ci permetta di definire una partizione sull'hard disk, per poi ricordarci di aprire il Disk Management o il Computer Manager e trovarla lì, insieme all'Event Viewer, User Mananger, etc. 


Ermanno Baccarini è Microsoft Certified Professional, specializzazione Networking, e articolista di BETA dal 1996 - È raggiungibile su Internet tramite la redazione

Copyright © 1998 Ermanno Baccarini, tutti i diritti sono riservati. Questo Articolo di BETA, insieme alla Rivista, è distribuibile secondo i termini e le condizioni della Licenza Pubblica Beta, come specificato nel file LPB.


Copertina Sommario Internet ID Informazioni Browser
BETA, La rivista ipertestuale tecnica - Copyright © 1994-1998. BETA Sul Web: http://www.beta.it.